Con l’arrivo della primavera e qualche giorno di vacanza, si risveglia la voglia di un viaggetto o semplicemente di una gita fuori porta.

Ormai da qualche tempo, sempre più persone, scelgono di soggiornare in punta di piedi, vale a dire vivere la natura, e non solo, con meno impatto ambientale possibile.
Cercare mete immerse nel verde e soprattutto strutture ecologiche!

Posti dove offrono cibo biologico, magari del luogo per cui a km 0, utilizzano energia pulita e recuperano le acque piovane, e naturalmente fanno una raccolta differenziata quasi totale. Questi sono solo i requisiti minimi, per poter essere considerate strutture ecologiche: in più, ogni territorio, offre esperienze diverse per sfruttare e conoscere il proprio scenario.

Quando si pensa a vacanze nella natura, si è propensi a immaginare escursioni e scarpinate, in cui parte del divertimento è l’esercizio fisico e, spesso, sono attività non adatte a tutti; invece viaggiare rispettando e apprezzando la natura racchiude mille altre possibilità.
Anzi, vivere in armonia con la natura significa proprio godere appieno di tutte le sue offerte.

Un’esperienza a tutto tondo, senza concentrare l’attenzione su un solo aspetto della vacanza, ma godere, del paesaggio, del cibo, delle esperienze culturali e soprattutto della gente del luogo.

Insomma recuperare una lentezza perduta, per colpa del ritmo di una vita quotidiana troppo frenetica.
A Santa Margherita Ligure per insegnare la lentezza hanno “ingaggiato” insegnanti d’eccezione: sei dolcissime e pacatissime asine!
Il Comune ha organizzato, per una settimana, un Asinobus, dove le asinelle si caricano gli zaini sul dorso e accompagnano i bambini a scuola, in cambio di carote e tante coccole!
In più, sono state previste escursioni turistiche guidate dalle fidate asinelle, per scoprire il valore di una passeggiata a passo lento!

Muoversi in punta di piedi può diventare, anche, un modo per scoprire tradizioni del territorio circostante o fare del volontariato ecologico, proprio per la salvaguardia del territorio.
Per esempio, ora inizia la stagione dei campi di volontariato organizzati da Legambiente, dove è possibile, dedicarsi alla raccolta dei rifiuti nei parchi e sulle spiagge e aiutare a rispettare l’ambiente.

Per saperne di più, ecco alcuni siti utili:

http://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/volontariambiente-2015-al-i-campi-di-volontariato-ambientale-di-legambiente-ded

http://ecobnb.it/

http://www.cammini.eu/