Uno studio condotto dall’Università di Harvard rivela che i nostri bambini danno più valore alla felicità personale piuttosto che alla gentilezza e alla cura del prossimo, ecco allora 4 consigli per crescere figli “gentili”.

Lo studio, condotto su un campione di 10.000 studenti elementari degli Stati Uniti, rivela uno squilibrio tra gli insegnamenti e i messaggi di empatia e cura del prossimo che i genitori vorrebbero trasmettere ai propri figli e ciò che essi realmente recepiscono. Nella scala dei valori la maggioranza degli intervistati ha posto ai primi livelli il successo e la felicità personali e ritiene che anche i genitori diano priorità a tali principi.

La buona notizia è che la “gentilezza” e la “cura del prossimo” ancora contano per i più giovani e il “Making Caring Common Project” di Harvard indica alcune linee guida per far sì che i bambini di oggi possano diventare i cittadini gentili e giusti di domani:

1. Praticare la gentilezza:
non si nasce “buoni” o “cattivi” tutto dipende da educazione e pratica. Imparare a essere gentili è come imparare a suonare uno strumento: ci vogliono pratica e costanza.

2. Vicinanza e prospettiva:
bambini e ragazzi devono imparare a essere attenti, ascoltare ciò che gli sta intorno ma anche a porre le situazioni in prospettiva considerando diversi punti di vista. “Mettersi nei panni degli altri” significa infatti sviluppare interesse per il prossimo.

3. Forti modelli morali:
bambini e ragazzi necessitano di esempi e modelli e questo per gli adulti non significa essere perfetti o avere tutte le risposte piuttosto saper gestire i propri difetti, riconoscere i propri errori, ascoltare i propri figli e connettersi al loro modo di osservare il mondo (la vicinanza e la prospettiva di cui sopra).

4. Controllare le “emozioni distruttive”:
quali rabbia, invidia, paura e vergogna. I bambini hanno bisogno degli adulti per imparare a controllare e rendere costruttive le proprie emozioni.

In definitiva successo e affermazione personale non sono sinonimo di felicità e la ricerca condotta da Harvard evidenzia come siano piuttosto l’altruismo e l’empatia a garantire una vita lunga e serena. In parole povere: “Essere gentili rende felici” è questo il messaggio fondamentale che dovremmo trasmettere ai nostri bambini. #Ioscelgolagentilezza.

Di seguito il link alla pagina ufficiale del “Making Caring Common Project” di Harvard: http://sites.gse.harvard.edu/making-caring-common

Foto Credits: http://sites.gse.harvard.edu/making-caring-common